× cinque = 40

Password dimenticata?

Perché devi perdere tutto di proposito!

perdere tutto

Hai sicuramente letto tante storie che parlano di imprenditori, rapper, attori e personaggi più o meno ricchi, più o meno famosi, che sono partiti da zero ed hanno costruito imperi, fama e successo. Sono sempre storie che ispirano,ci danno la grinta e  ci aiutano a perseguire i nostri obiettivi. Oggi non ti voglio raccontare nessuna di queste storie, perché purtroppo, il problema delle storie e delle frasi che ispirano è che non ci sono quando veramente hai bisogno di loro. Quando stai affrontando un problema o una crisi non ti fermi, vai su internet e cerchi una storia o una canzone  che ti possa aiutare, sei nel bel mezzo del problema, della crisi e devi darci dentro!

Sono molte le analisi che vengono fatte su queste storie di successo, molti consigli vengono estrapolati per aiutare ognuno di noi ad avere la propria storia di successo. Tutte le volte che ho letto queste analisi e i consigli che ne venivano fuori, ho sempre avuto la sensazione che il nocciolo, il cuore pulsante della soluzione non saltasse mai fuori. Si, bisogna avere grinta, bisogna essere affamati, bisogna essere concentrati, perseverare…è tutto giusto, ma manca qualcosa. Ci manca forse il cuore? Ci manca la forza? Ci manca la Grinta? Niente di tutto questo. Ci manca lo zero.

Ok mi dirai, spara la solita filosofia inapplicabile nel mondo reale. Cosa è questo ZERO?. Quello che hanno in comune tutte queste storie di successo è un MOMENTO ben preciso, il momento zero, il momento in cui non avevano veramente più niente nella loro vita…o quasi. Il momento ZERO è il momento in cui non hai più niente di superfluo e ti puoi solo concentrare sulle cose veramente importanti per te stesso. Riducendo tutto alle cose importanti puoi dare il massimo delle tue energie, concentrazione grinta e perseveranza.

Non c’é più dispersione ma si è dedicati completamente alle cose importanti. Non c’è più dissonanza interna, i livelli di felicità raggiungono vette mai raggiunte prima. Si diventa un movimento di creazione senza eguali, ci si rende conto di tutta la potere che come persone abbiamo, la forza la creatività, le emozioni. Siamo al contempo in atto e in potenza. Quindi devo perdere tutto? Non ti sto dicendo che devi perdere tutto,  lasciare moglie, figli, lavoro, casa, macchina vestiti e andare in mezzo una strada. Citando Troisi nel suo celebre film Ricomincio da Tre: “Nossignore, ricomincio da… cioè… tre cose me so’ riuscite dint’a vita, pecché aggia perdere pure chest? Aggia ricomincià da zero? Da tre!” Lo zero di cui si parla non è il nulla cosmico, ma vuol dire spogliarsi di tutti materialismi inutili, spogliarsi di quegli usi e costumi che la società ci costringe o ci suggerisce di seguire per sembrare “persone normali”.

Vuol dire che bisogna smettere di essere uomini di anima, spirito e vestiti ma iniziare ad essere persone senza maschere, e sovrastrutture che ci impediscono di concentrarsi su noi stessi. Proprio perché bisogna concentrarsi su noi stessi e cosa è importante, non possiamo veramente iniziare da zero zero. Anche se stai passando magari un momento difficile è impossibile che non hai qualcosa di buono da mantenere. Innanzitutto ci sei tu, comunque sia adesso la tua vita, hai un potenziale che supera ogni immaginazione, ti basta iniziare ad agire e con questo articolo spero di farti fare già qualche piccolo passo.

Probabilmente hai una famiglia, una moglie dei figli o degli amici che ti riempiono di gioia. Magari ti piace tantissimo il lavoro che fai. O magari hai un hobby che ti rende felice ma a cui magari, adesso, dedichi troppo poco tempo. Quando qua Surfing The Pips diciamo che bisogna essere prima persone di successo, significa proprio questo, realizzare noi stessi in sintonia col nostro IO più intimo. Tante belle parole, ma nella pratica?  Come spesso accade, dobbiamo agire su due piani, uno interno ed uno esterno. Due piano che ovviamente sono fortemente interconnessi e che influiscono l’un l’altro.

Ai fini pratici però questa distinzione ci può aiutare.   Piano Esterno. Forse hai già capito cosa devi fare. Fai una lista, fai una lista delle cose importanti, delle persone, delle azioni che già fai o hai e che ti fanno stare bene e senza le quali non potresti vivere. Mi raccomando ricordati di mettere acqua, cibo una letto su cui dormire (anche di paglia se a te piace). Ti incollerei la mia lista, per darti un esempio, ma ti influenzerebbe, ogni persona è diversa, ed è giusto che tu dedichi un po’ di tempo alla creazione di questa lista. Si dice solitamente che se metti più di 100 voci in questa lista non hai fatto bene il compitino.

I più minimalisti solitamente arrivano a circa 20 voci (poche vero?). Una volta che hai stilato la lista delle cose importanti, ti accorgerai che sei pieno zeppo di roba inutile, materiale, attaccamenti emozionali inutili, persone che non ti trasmettono niente, abitudini deleterie (fumi?). C’è chi scopre che può fare a meno della macchina, chi può fare a meno della tele, chi può fare a meno del mcdonald’s, chi persino si accorge di avere una casa più grande di quella di cui ha bisogno. Se sei single e vivi in una villa con 4 bagni, poniti qualche domanda! : ) Alcuni si accorgono di essere pieni di vestiti che non mettono, altri pieni di monili, gioielli. Qualcuno si accorge che alcune persone che frequenta, le frequenta solo e soltanto per abitudine o per “buon costume”. Qualcuno si accorge che può fare a meno di alcune emozioni tipo gelosia o desiderio di vendetta.

Tutte queste cose superflue ti portano via tempo, energia, concentrazione, salute e serenità. Butto via tutto? No! Credo che per il 99% di noi essere così drastici non può essere d’aiuto. Però inizia a eliminare qualcosa. Inizia a farlo con le cose più semplici, solitamente le cose materiali. Hai vestiti che non utilizzi, dalli in beneficenza, vendili al mercatino dell’usato, sbarazzatene. Non vuoi vedere più la televisione perché ti porta via tempo? Vendila o regalala. L’importante è iniziare, ma non domani, la prossima settimana o il prossimo mese “quando hai più tempo”, se non hai tempo adesso cosa ti farà pensare che ce l’avrai in futuro, non procrastinare!

Una volta che inizi diventa tutto più facile, sentirai dei pesi che si tolgono dalla tua vita. Provare per credere. Inizia con le cose più semplici. È un processo che dura una vita, quindi non c’é fretta. Ogni tanto si aggiungeranno cose, persone o abitudini nella tua vita che poi risulteranno inutili. Ma l’importante è abituarsi al cambiamento ed al ragionare su cosa è veramente importante e cosa no.   Piano interno. Vengo all’isola dei Trader?. Sicuramente può essere d’aiuto, ma non è essenziale. Proviamo a fare qualcosa di più pratico e di immediato.  

Tutto bello ma cosa ci azzecca tutto ciò col trading? Ci azzecca in due modi. Potresti scoprire che il trading in questa fase della tua vita non è importante per te. Se così fosse, lascialo perdere, perché avresti solo conseguenze negative. Toglierebbe energie e tempo alle cose che veramente contano per te. Al contempo non saresti in sintonia col tuo vero IO, con il rischio che non riusciresti a seguire nessun metodo di trading come andrebbe seguito. Di fatto il nostro inconscio auto-sabota tutto quello che non vuole fare.

Quante volte ti è capitato di fare le cose contro-voglia e di farle male? A volte non si è coscienti di fare qualcosa contro voglia o contro i nostri desideri, ma i risultati nel lungo periodo faranno di tutto per dimostrarti che quella è la strada sbagliata. Ci azzecca perché se vuoi veramente seguire il metodo devi comprendere appieno la filosofia che c’é sotto. Non solo comprenderla ma viverla. Il metodo Surfing The Pips è creato su queste basi. Ci sono solo i passaggi importanti, occupa solo il tempo strettamente necessario. Tutto il superfluo è stato raschiato via. Quanto superfluo hai nella tua vita?

11 video + e-book gratis per guadagnare sul Forex!
PURO VALORE SOLO PER TE + 1 BONUS SPECIALE A SORPRESA
We hate spam just as much as you

One Response to “Perché devi perdere tutto di proposito!”

  1. Paolo marzo 26, 2016 at 5:38 am #

    Ciao Davide,
    condivido appieno il tuo pensiero. Aggiungo che per avere successo e vedere ciò che siamo e ciò che vogliamo, dobbiamo ripulirci di un sacco di pensieri autolimitanti e ne abbiamo tutti davvero tanti.
    Un saluto
    Paolo

Lascia un Commento


− 3 = sei

Loading Facebook Comments ...